L'AMERICA È UNA OLIGARCHIA?

Il Dipartimento delle Accademie conferma qualcosa che già sospettavo, un nuovo studio conclude che i ricchi e le organizzazioni che rappresentano gli interessi delle imprese hanno una forte presa sulla politica del governo degli Stati Uniti. Dopo aver esaminato le differenze di opinione pubblica attraverso le fasce di reddito su una vasta gamma di questioni, i politologi Martin Gilens di Princeton e Benjamin Page del Northwestern, hanno scoperto che gli interessi di persone ricche hanno avuto un impatto molto maggiore sulle decisioni politiche, rispetto alle aspettative a favore del reddito medio e poveri americani. In effetti, le opinioni dei gruppi a basso reddito, e dei gruppi di interesse che li rappresentano, sembrano avere poco o nessun impatto sulla politica.

“Le nostre analisi confermano che la maggioranza del pubblico americano in realtà ha poca influenza sulle politiche nostro governo” Martin Gilens e Benjamin Page dicono:

Gli americani godono di molte caratteristiche centrali per la governance democratica, quali le elezioni regolari, la libertà di parola e di associazione. Ma noi crediamo che se le politiche sono dominate da potenti organizzazioni imprenditoriali e un piccolo numero di ricchi americani, le pretese americane ad essere considerata una società democratica sono gravemente minacciati.

In conclusione, Gilens e Page vanno anche oltre, affermando che:

“negli Stati Uniti, i nostri risultati indicano, la maggioranza è esclusa, nel senso causale effettivamente determinamte per i risultati delle politiche. Quando la maggioranza dei cittadini non è d’accordo con le élite economiche e/o con gli interessi organizzati, generalmente perdono. Inoltre … anche se la maggioranza degli americani chiedono un cambiamento di politica, in genere non si verifica come da promesse elettorali”.

Non c’è da stupirsi se il nuovo studio genera allarmi nella società americana, come ad esempio dibattiti sui media “È una oligarchia, non è una democrazia”.

Gilens e Page non usano il termine “oligarchia” nel descrivere le loro conclusioni, che implicherebbe che una piccola classe dirigente domina il sistema politico con l’esclusione di tutti gli altri. Preferiscono la frase “dominazione élite economica”, che è un po meno aggressivo nei confronti del potere.

La prova che lo studio di Gilens e Page necessita di un’attenta intepretazione.

Lo studio suggerisce che, su molte questioni, i ricchi possono esercitare un diritto di veto efficace. Se sono contro qualcosa, è improbabile che accada. Questo è ovviamente incompatibile con il teorema dell’elettore medio che sostiene che i risultati delle politiche riflettono le preferenze degli elettori che rappresentano il centro ideologico. Un esempio recente è l’incapacità di eliminare la detrazione “carried interest”, che consente ai gestori di hedge fund e magnati leveraged buyout, a pagare un tasso d’imposta artificialmente basso su gran parte del loro reddito. Nel 2012, vi era una diffusa indignazione per la rivelazione che Mitt Romney, che ha fatto la sua fortuna presso lo studio leveraged buyout-Bain Capital, ha pagato meno del quindici per cento delle imposte sul reddito federali. Ma la deduzione non è stato eliminato.

Uno degli altri risultati interessanti dello studio è che, oltre un certo livello, le opinioni del pubblico in generale hanno un impatto minimo sulle possibilità che la proposta è di essere promulgata. Come ho detto, proposte politiche che hanno il sostegno della maggioranza la cavano meglio di proposte che sono favoriti solo da una minoranza.

I cittadini medi sono disattenti alla politica e la ignorano e per questo i politici pensano: perché dovremmo preoccuparci se le loro preferenze non influenzano le decisioni politiche?

Le élites economiche e leader di gruppi di interesse godono di una maggiore esperienza politica rispetto al cittadino medio.

Forse sanno meglio quali politiche potranno beneficiare tutti, e forse cercano il bene comune, piuttosto che fini egoistici, al momento di decidere quali politiche di sostegno … Ma si tende a dubitarne.

Anch’io. Non ci può essere alcun dubbio che le élites economiche hanno un’influenza sproporzionata a Washington, o che i loro punti di vista e interessi distorcono la politica in modi che non necessariamente beneficiano della maggioranza: i politici tutti lo sanno e troppo bene, visto che per diventare politici in America devi essere sponsorizzato come un pacchetto di Marlboro altrimenti non vai da nessuna parte.

La mia riflessione è per quanto tempo i popoli sotto l’influenza americana continueranno a farsi plagiare da una nazione in mano a pochi oligarchi?

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: