Arrestato Corrado Clini ex ministro dell'Ambiente

Immagine

La parabola di Corrado Clini indica quel sistema di potere tutto italiano che lega politica, malaffare e lobby.

Da ex ministro e, soprattutto, da attuale direttore generale del ministero dell’Ambiente è finito in manette.

Clini è stato ministro con il governo Monti ma direttore generale prima del governo “dei tecnici“, anche quando ministro era Stefania Prestigiacomo, e lo è ancora oggi.

La procura di Ferrara sta lavorando a quest’inchiesta da mesi e l’arresto è una notizia che arriva come un fulmine nel cielo sereno del governo.

Clini, che oggi è Direttore per lo sviluppo generale, per il clima e per l’energia, avrebbe “distratto” 3,4 milioni di euro, dal finanziamento di 54 milioni di euro concesso dal ministero a un progetto per la protezione e preservazione dell’ambiente e delle risorse idriche, da realizzarsi in Iraq. Ai domiciliari per peculato, quindi.

L’hanno definita “distrazione di fondi“: ormai si usano espressioni soft. Se cosi fosse: è furto, di soldi pubblici, di tutta la collettività, per un progetto da ben 54 milioni per risanare l’ecosistema idrico in Iraq e la cosa più grave che questo signore è al ministero dell’Ambiente da 1991, quindi potrebbe essere solo spiccioli quello che oggi viene a galla.

Con questi personaggi nelle istituzioni difficile che possiamo ritornare a sognare un futuro migliore

0 Condivisioni

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: